Monoclonali, a Latina arriva il Governo

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cecere, Cisl Latina: “Ci siamo battuti fin dall’inizio per dare una cura efficace alle persone

L’arrivo delle prime forniture di monoclonali in Italia potrebbe ormai essere solo questione di giorni. Lo scorso 3 febbraio è stato finalmente dato il via libera dall’Aifa (Agenzia italiana del Farmaco) all’utilizzo degli anticorpi monoclonali nel nostro Paese. Domani mattina il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri farà visita alla sede della Bsp Pharmaceuticals, azienda pontina leader nella produzione degli anticorpi monoclonali per conto di una delle società cardine statunitensi. Tale incontro sarà utile per rendere noti i dettagli sui contratti riguardo l’utilizzo degli anticorpi monoclonali in Italia.

Mentre veniva utilizzato già da diverso tempo in America, Inghilterra, Ungheria, Francia, Israele e Germania, per settimane nel nostro Paese il trattamento era stato oggetto di reticenze e ritardi. Il confronto creatosi tra l’Ema e l’Aifa sull’efficacia di questa cura e sulla necessità di autorizzarla al più presto stava andando per le lunghe. Fra i primi ad interessarsi della questione c’è stata la Cisl di Latina, che fin da subito si è impegnata ad accendere i riflettori dell’opinione pubblica sull’azienda del nostro territorio. Per settimane la faccenda è stata seguita con attenzione in quanto la Provincia dispone di un’azienda che – oltre ad essere dotata di una possibile cura per i sintomi del Covid – promette sviluppo per tutto il territorio.  Anche a livello cittadino era partita una mobilitazione che sarebbe culminata in un flash mob in Piazza del Popolo nella giornata di sabato 6 febbraio: l’idea di attività chiuse e di cittadini barricati in casa mentre dallo stabilimento di Latina usciva il farmaco più promettente contro il virus non era andata giù a molti, i quali si erano immediatamente dimostrati entusiasti dell’iniziativa organizzata dal Segretario Generale della Cisl di Latina, Roberto Cecere.

Nei giorni scorsi la Germania ha approvato l’utilizzo di circa 400 milioni di euro per curare la popolazione tedesca, soldi spesi per acquisire diverse dosi che sarebbero poi state prodotte a Latina. “Se l’Italia non si muove saranno occupate tutte le linee di produzione. La nostra azione è rivolta alla città intera, dato che la cura riguarda tutte le persone che potenzialmente si potrebbero ammalare” ha asserito il Segretario Generale della Cisl Latina, Roberto Cecere, che ha poi concluso: “Fortunatamente l’Aifa ha dato il via all’utilizzo del trattamento per il bene di tutti i cittadini. La produzione degli anticorpi nell’azienda pontina rappresenta una nota di merito per il nostro territorio, fiore all’occhiello nell’esportazione farmaceutica. Adesso anche i cittadini italiani e non solo quelli esteri potranno beneficiare dei suoi prodotti”.

Articolo a cura di Fabrizio Scarfò

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.