La violenza giovanile.

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sull’onda dell’articolo precedente (quello in cui si è parlato dell’esigenza della formazione di una comunità di ricerca per lo sviluppo del pensiero autonomo del bambino) si riporta un esempio di pratica filosofica, nella quale è stato affrontato il tema della violenza.

L’esempio in questione è l’analisi di un ragionamento tratto dal testo “Educare al pensiero” scritto da Matthew Lipman, docente di logica presso la Columbia University e ideatore della metodologia in questione.

Dunque, la base di partenza prevede che si riesca a considerare pace e violenza esattamente sullo stesso piano. Ciò serve per non “contaminare il pensiero” con alcun tipo di stereotipo di cui si riporta un classico esempio: “è una persona tranquilla, deve essere brava”.

Porre ai ragazzi entrambi i concetti senza alcuna differenza tra essi avrà l’effetto di stimolare domande.

Ogni ragazzo, infatti, prima di poter permettersi di giudicare le azioni proprie e altrui deve acquisire maggiore consapevolezza sia del significato di concetti come “pace”, “libertà” o “equità” sia di tutti quei termini che caratterizzano l’essere violenti.

Una volta appreso ciò potranno confrontarsi all’interno di una comunità di ricerca, esponendo i propri pensieri, scambiandosi idee e chiarire concetti a loro ostici. Inoltre, affinchè tutti si rendano effettivamente conto dell’importanza del concetto oggetto d’analisi (in questo caso la pace) devono sperimentarla in prima persona iniziando a trovare, insieme, come una verà comunità, le strategie migliori per la risoluzione di eventuali conflitti.

L’esperienza pratica porterà ad un’analisi oggettiva del concetto di “pace” o “violenza” e tutti avranno modo di sperimentare entrambi i concetti.

Essendo comunque la via del dialogo ciò che caratterizza il clima di una comunità nessuno sarà dubbioso su quale strada percorrere per risolvere le varie discussioni.

È nata l’idea di pace.

Questo pensiero, si veda bene, è nato semplicemente da un’analisi riflessiva svolta dai soggetti su sé stessi e sugli altri; non vi è stato alcun condizionamento esterno alla formazione di essa.

L’insegnante (portando il discorso all’interno di un’aula scolastica) non ha indottrinato riguardo l’idea di pace e violenza, ma ha semplicemente lasciato libera la strada delle prove e degli errori.

In questo modo ogni membro della comunità ha avuto l’opportunità di scoprire un nuovo sapere insieme a tutti gli altri.

Articolo a cura di Ilaria Genovesi

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.