Cisl Latina: progettare la fase 2 per la rinascita della nostra Provincia.

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Snellire la burocrazia, svillupare la Green Economy e riformulare la sanità specialistica territoriale. Questi i punti cardine da cui ripartire secondo la Cisl di Latina.

In comunicato stampa il sindacato afferma che nel frattempo che combattiamo per arginare l’emergenza  Covid19, dobbiamo iniziare seriamente a progettare la cosiddetta “fase due”, che faccia recuperare in tempi rapidi il terreno perso. Migliaia di lavoratori sono in cassa integrazione e più di mille aziende ferme che faticano a immaginare un futuro produttivo che garantisca salari e benessere. Questa la priorità che necessariamente deve partire dai territori, e soprattutto da tutti gli Stakeholder locali, comuni, sindacati, imprenditori, coadiuvati dalla Regione e Governo centrale.

Le idee- si legge nel comunicato – devono partire dal basso verso l’alto, ovvero da coloro che vivono i territori e ne conoscono pregi e difetti per generare nuove idee di sviluppo partendo magari proprio dalle ceneri del passato.

A tal proposito è intervenuto Roberto Cecere – Segretario Generale della Cisl di Latina: “ Come Sindacato Confederale in questi giorni di emergenza stiamo “incontrando “ i sindaci della provincia proprio per fare il punto della situazione sia dal punto di vista delle metodologie di utilizzo delle risorse destinate alle persone più fragili ,come per esempio i buoni spesa, e sia per definire insieme delle strategie che una volta superata la fase emergenziale possano in tempi rapidi far ripartire il tessuto produttivo e di conseguenza quello lavorativo e sociale. Occorreranno idee e processi nuovi, è impensabile ripartire con vecchi processi burocratici e farraginosi che molte volte hanno fatto sfumare importanti investimenti. “

“Bisogna pensare al futuro – prosegue il Segretario – con strumenti e tecnologie del futuro, ripartire con una green economy vera che sia calata proprio su quei siti da decenni dismessi. Ripensare ai tanti edifici del demanio inutilizzati per destinarli all’economia della cultura troppo spesso dimenticata”.

In sostanza l’emergenza potrebbe trasformarsi in opportunità di rinascita, questa volta applicando quelle strategie degne del terzo millennio, che ovviamente non si sposano con l’attuale burocrazia che troppo spesso strangola il nostro Paese.

“Quello che voglio dire – conclude Cecere – è che il nostro Paese deve eliminare tutti quei vincoli contorti, fatti di bolli e di carte, e concentrarsi invece su un serio controllo dei progetti finanziati. E’ chiaro però che occorrono risorse, che devono essere destinate ai territori, ai comuni che vivono un momento difficile che, ipotizzando le mancate entrate dei tributi, rischiano il default o l’immobilismo politico. Riformulare una sanità territoriale falcidiata da decenni di tagli lineari e strutturali, creando dei centri specialistici per eliminare il dramma dell’emigrazione sanitaria. Abbiamo l’occasione di far compiere un salto di qualità a tutto il sistema Italia, ma il processo dovrà appartenere ai singoli territori che formuleranno le loro esigenze per ridare speranza alle comunità. Sta passando un treno importante, insieme ce la faremo.    

La redazione

Roberto Cecere, Segretario Generale Cisl Latina
Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.