NICCOLO’ PAGANINI, LA LEGGENDA DEL VIOLINO

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi ricorre l’anniversario della nascita di Niccolò Paganini (Genova, 27 ottobre 1782 – Nizza, 27 maggio 1840), violinista, chitarrista e compositore italiano, fra i più importanti esponenti della musica romantica.

Continuatore della scuola violinistica italiana di Pietro Locatelli, Gaetano Pugnani e Giovanni Battista Viotti, è considerato uno dei maggiori violinisti di sempre, sia per la padronanza dello strumento, sia per le innovazioni apportate in particolare allo staccato e al pizzicato. La sua attività di compositore fu legata a quella di esecutore.

Ancora oggi la sua figura è circondata da leggende legate al suo prodigioso genio (talune anche alimentate dall’ambiente del romanticismo ottocentesco) ed al famoso patto col diavolo da lui siglato per ottenere la fama e l’abilità necessaria per suonare il violino, contribuendo così a mitizzare la sua figura.

CENNI STORICO-GENEALOGICI

Nacque a Genova il 27 ottobre del 1782 da una modesta famiglia originaria di Carro (nell’odierna provincia della Spezia). Il padre Antonio faceva imballaggi al porto ed era appassionato di musica; con la madre Teresa abitavano in Vico Fosse del Colle, al Passo della Gatta Mora, un caruggio di Genova nella zona di via del Colle. 

Suo nonno, Giovan Battista Paganini (Carro (SP) ??/??/17?? – Genova ??/02/1799), pare sia stato Console Pontificio nel 1780 ed alla sua morte lasciò per legato la considerevole somma di 100.000 Lire all’Albergo dei Poveri di Genova nel quale venne, in seguito, eretta una statua in sua memoriaIe. I problemi nella sua biografia si affacciano subito, dal nome innanzitutto: Nicolò o Niccolò? I biografi sostengono siano corrette entrambe le dizioni perché Paganini si firmò indifferentemente in una maniera e nell’altra, anzi alle volte si firmava persino “Nicola”.

L’atto di battesimo, scritto in latino, riporta però la questione al punto di partenza. Vi si legge Nicolaus Paganini rendendo in questo modo impossibile una traduzione.

Questo si legge dall’atto di battesimo: “Anno 1782, die 28 octobris, Nicolaus Paganino Antonii filii Johannis Baptistae et Theresiase Johannis Bocciardo coniugum, Natus heri et hodie a me Praeposito baptizatus; suscientibus Nicolao Caruta Quondam Bartolomaei et Columba Maria Ferramolla uxore.” 

[fonte: http://paganininiccolo.blogspot.com/p/la-vita.html]

In foto il suo atto di battesimo.

Articolo a cura di Lorenzo Cirelli

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.