L’importanza dell’individualizzazione dell’insegnamento.

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La necessità di una didattica “individualizzata” nasce a fronte di tutti quei molteplici studi che nel tempo hanno indagato riguardo le differenti esigenze che possono nascere tra gli alunni. Questo perché le modalità di apprendimento variano da individuo ad individuo e si manifestano in primo luogo in relazione al tempo.

Ogni alunno, infatti, ha bisogno di tempo per apprendere quanto spiegato e, solitamente, la lunghezza dello stesso è stabilita dal bambino. A tal proposito sono tre le parole chiave che possono aiutare un alunno ad uscire da una situazione di difficoltà: fermarsi, riflettere e ripartire.

Dove tra i tre termini appena citati proprio lo “stare fermi”rappresenta di per sé un inizio. Non ci si ferma per rimanereindietro, ma bensì per imparare come andare avanti.

Un altro punto cardine da cui nasce l’esigenza di una didattica individualizzata sono le modalità con cui un bambino apprende. Queste variano in base ai recettori sensoriali che ogni persona mette in campo per connettere il proprio mondo interiore con la realtà esterna. Tra i vari approcci funzionali in tal senso si evidenziano particolari tecniche metacognitive che mirano ad un’assunzione di consapevolezza da parte dell’alunno il quale è stimolato ad attuare su sé stesso un auto-riflessione riguardo quelle che sono le sue reali capacità.

Infatti, capire i propri punti deboli, o al contrario, i propri punti di forza può aiutare l’alunno ad iniziare un lavoro di miglioramento che coinvolge sia la sfera emotiva che quella del rendimento scolastico.

In aggiunta, un’altra tecnica molto utilizzata in tal senso è il tutoring. Il tutoring prevede, qualora ci fosse una difficoltà manifesta da parte dell’alunno, non tanto l’intervento del docente, ma, bensì di un pari. In altri termini, l’aiuto nasce e si sviluppa tra coetanei.

Solitamente il tutor è una persona dotata di grande empatia e senso di responsabilità, caratteristiche che solo all’apparenza sembrano non accostarsi alla dimensione dei bambini.

Dunque, al fine di garantire il successo scolastico anche di tuttiquegli alunni che portano con loro un bagaglio di difficoltà, alle volte notevole, è sempre bene considerare anche la strada per unpercorso individualizzato che riesca a venire incontro alle necessità di ogni singolo caso.

Articolo a cura di Ilaria Genovesi

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.