Vaccino AstraZeneca: in arrivo i messaggi della Regione per anticipare la seconda dose

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nella nostra regione, per adesso, in 8mila hanno già confermato l’anticipazione del richiamo al 56esimo giorno dalla prima dose

Durante il fine settimana la Regione Lazio ha iniziato ad inviare a tutti coloro che hanno fatto la prima dose con vaccino AstraZeneca – e devono ancora fare la seconda – tale messaggio: «Il suo appuntamento per la seconda somministrazione col vaccino AstraZeneca può essere anticipato, se lo desidera, fino al 56esimo giorno dalla prima inoculazione, sempre con vaccino AstraZeneca. Per confermare risponda da questo cellulare entro e non oltre le 24 ore dalla ricezione del presente messaggio. Nel caso di conferma riceverà un sms con il nuovo appuntamento entro pochi giorni. In caso di non risposta resterà valido l’appuntamento in essere. La ringraziamo per la disponibilità».

Diventa dunque possibile fare il richiamo, previsto inizialmente a 10-12 settimane, a soli 55 giorni. Seconda dose anticipata per tutti, vale a dire sia per gli over 60 sia per le persone sotto i 60 anni, ma con una differenza: gli ultrasessantenni dovranno soltanto accettare di anticipare il richiamo, gli under invece devono prima rifiutare il mix. In questo secondo caso stiamo parlando di chi è stato vaccinato negli open day quando il farmaco anglo-svedese era previsto anche per i giovani.

E’ bene ricordare che dopo il divieto dell’Aifa di somministrare l’AstraZeneca agli under 60, per tutti coloro che hanno ricevuto l’iniezione col preparato anglo-svedese è obbligatoria la seconda dose Pfizer o Moderna, salvo la firma del consenso informato che permette di farsi somministrare AstraZeneca anche come seconda dose avendo meno di 60 anni. E proprio chi accetta di non fare la vaccinazione eterologa potrà chiudere prima il proprio ciclo vaccinale.

Nella nostra regione, per adesso, in 8mila hanno già confermato l’anticipazione del richiamo al 56esimo giorno dalla prima dose. «La variante Delta è sicuramente una variante più veloce, come incidenza ma si combatte aumentando la vaccinazione, con tutti i vaccini disponibili», ha asserito l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato in merito alla possibilità di anticipare il richiamo di AstraZeneca, invitando chi ha già fatto la prima dose a ridurre i tempi per fare la seconda.

Articolo a cura di Fabrizio Scarfò

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.