Italia, ce l’hai fatta: sei campione d’Europa!

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Più di 50 anni dopo l’ultima volta la nazionale azzurra è tornata a vincere un campionato Europeo. Grandi festeggiamenti in tutto il Paese

Ancora i rigori. Proprio quando pensavamo di esserceli messi alle spalle nella semifinale con la Spagna, il popolo del Belpaese è dovuto tornare a fremere per quello che è probabilmente il momento di massima tensione nel mondo del pallone, i tiri dagli 11 metri.

Al termine di una partita non bellissima dal punto di vista prettamente calcistico, durante la quale al gol dopo appena 2 minuti di gioco di Luke Shaw aveva risposto quello al 67′ di Leonardo Bonucci, ai tempi supplementari sono seguiti i penalties, dove i 3 errori consecutivi degli inglesi sono stati decisivi per portare il trofeo a Roma.

Turchia, Svizzera, Galles; poi Austria, Belgio, Spagna e infine Inghilterra. Questo il cammino degli Azzurri, intrapreso con coraggio e spensieratezza e che, grazie al bel gioco e ai risultati convincenti, ha pian piano coinvolto gli italiani, iniziando a far nascere in quest’ultimi una speranza che ha trovato conferma nella serata di ieri: l’Italia aveva le carte in regola per poter vincere l’Europeo ed è riuscita a farlo davvero, in barba a tutti i critici e i detrattori della selezione scelta dal CT Mancini.

Ed è proprio a quest’ultimo che va gran parte del merito: l’ex giocatore di Sampdoria e Lazio è stato capace di raccogliere le macerie di una nazionale che aveva mancato l’accesso al Mondiale del 2018 (appena la seconda volta nella storia del Paese) e di portarla al successo appena 3 anni dopo. Un lavoro certosino, frutto di preparazione e competenza tecnica ma soprattutto di una grande operazione sulla testa dei giocatori, un gruppo privo di vere e proprie superstar e che ha saputo fare dell’unione, del gioco di squadra e dell’aiuto reciproco il suo segreto per giungere alla vittoria finale. Italia, ora ce l’hai fatta davvero: sei campione d’Europa!

Articolo a cura di Fabrizio Scarfò

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.