Le cose più belle del mondo non possono essere viste e nemmeno toccate. Bisogna sentirle con il cuore.

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le cose più belle del mondo non possono essere viste e nemmeno toccate. Bisogna sentirle con il cuore.

(Helen Keller)

Cari Lettori,

Eccoci di nuovo insieme a cercare di affrontare al meglio questo momento di “stallo”. Come di consueto, oramai, all’inizio di ogni articolo cerco di sempre di spronare tutti voi alla riflessione sul periodo particolare che stiamo vivendo. Possiamo, anzi dobbiamo, trovare tutto ciò che c’è di bello nella realtà che ci circonda al fine di affrontare al meglio situazioni difficili come questa.

In questo articolo propongo un’attività rivolta a tutti, adulti e bambini, che può aiutare a farsi strada nel mondo delle emozioni.

Sotto il fronte dell’educazione è importante che il bambino impari a riconoscere le emozioni che prova perché proprio a partire dalle stesse prendono vita determinati comportamenti che vanno ad influire sull’integrità della persona.

In tal senso può aiutare la costruzione “Dell’arcobaleno delle emozioni”. La realizzazione è molto semplice. 

1)Prendete un qualsiasi barattolo vuoto presente nella vostra casa e decoratelo, se possibile, a piacimento.

2)Con dei cartoncini colorati formate dei quadratini, grandi abbastanza da poterci scrivere sopra piccoli pensieri.

3)Associate ad ogni colore del cartoncino un’emozione. 

Esempio: Cartoncino rosso, rabbia/Cartoncino giallo, gioia ecc..

4) A fine giornata provate a scrivere dei pensieri che siano relazionati al vostro stato d’animo e inseriteli nel barattolo. Esempio: oggi mi sento così perché….

5) Una volta riempito, potete rovesciare tutto il contenuto presente nel barattolo e rileggere, così, le vostre emozioni (ponendo grande attenzione a quelle positive), magari discutendone insieme.

In questo modo il bambino diverrà cosciente del proprio stato d’animo. Questo lo aiuterà a migliorare quel processo di ascolto interiore a lui necessario per la sua crescita emotiva.

Articolo a cura di Ilaria Genovesi

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.