FILCA CISL Latina: ripartire dall’edilizia per la ripresa del Paese

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si è svolto questa mattina il Consiglio Generale della Filca Cisl Latina, un appuntamento importante non solo per evadere gli impegni statutari ma soprattutto per fare il punto della situazione sulle tante istanze e vertenze che questo comparto sta vivendo.

Ricordiamo che la Filca è la federazione di categoria della Cisl che organizza e tutela gli addetti dell’edilizia ed affini. Un comparto strategico che sul territorio pontino aveva già accusato una brusca frenata per via della grave crisi economica, ma che oggi è praticamente fermo a causa del Covid – 19.

Tanti gli interventi nel dibattito a cominciare da Paolo Masciarelli, Segretario Generale della Filca Cisl Latina: Un momento importante anche per divulgare ai nostri dirigenti, quadri ed operatori sindacali le corrette norme di sicurezza, con lo svolgimento del corso di primo soccorso. La formazione sulla sicurezza nel nostro settore e in particolar modo in questo delicato periodo deve essere il faro delle attività lavorative, permettendo ai lavoratori di intervenire in sicurezza in tutte le situazioni”.

A seguire Roberto Cecere, Segretario Generale Ust Cisl di Latina che è intervenuto dicendo: Sono anni che portiamo avanti la nostra visione per un territorio pontino che abbia finalmente le infrastrutture necessarie per essere ben collegato non solo con il resto d’Italia ma con l’Europa. Parliamo dell’autostrada Roma – Latina, dell’aeroporto, del rifacimento e potenziamento della marina, quest’ultima – continua il Segretario- deve trasformasi da un semplice piano turistico ad un piano edilizio specifico affinché si creino le necessarie strutture alberghiere per accogliere i turisti.

Non sono solo sogni, ma necessità impellenti per rendere la provincia di Latina attrattiva per gli investimenti. Un territorio che possa finalmente generare buona e piena occupazione innescando un circuito virtuoso di sviluppo e benessere. Il comparto edile è il volano che può far ripartire l’intero paese.

Anche nella tragedia di questa pandemia che vede migliaia di posti di lavoro fermi, dobbiamo saper cogliere le opportunità del momento, riuscendo a capitalizzare i fondi a disposizione per rimettere in moto un comparto strategico come quello edile che inevitabilmente trascinerà l’intera filiera produttiva. Non vogliamo le solite colate di cemento, ma vogliamo infrastrutture perfettamente integrate in una economia circolare ed ecosostenibile. La politica – conclude Cecere – deve ascoltare le nostre proposte già inserite nelle piattaforme programmatiche. Insieme abbiamo l’obbligo di traghettare la provincia di Latina dalla bonifica al terzo millennio”.

A conclusione del Consiglio Generale Filca Cisl Fabio Turco,Segretario Generale della Filca Cisl del Lazio: Questi mesi di lockdown hanno evidenziato tutte le fragilità e problematiche strutturali del sistema Italia, in particolar modo quello del comparto edile, che a causa di una eccessiva burocrazia blocca sostanzialmente l’apertura di molti cantieri soprattutto quelli delle grandi opere, che possono dare occupazione a migliaia di maestranze. Occorre una classe politica che sappia cogliere l’opportunità del cambiamento nel pieno rispetto della legalità.

La Redazione

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.