Mini lockdown in provincia di Latina

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Era nell’aria e ieri sera è arrivata l’ufficialità: il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha firmato un’ordinanza con la quale vengono aggiunte nuove restrizioni ad eventi e locali per contrastare l’avanzare del virus.

A partire dalla mezzanotte dell’8 Ottobre e per i prossimi 14 giorni in tutti e 33 i comuni della provincia di Latina saranno nuovamente contingentati gli ingressi nei ristoranti e nei bar, oltre che ridotto il numero di partecipanti ad eventi pubblici e privati.

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti

Gli elementi cardine di questo piccolo lockdown vengono essenzialmente esplicati nei primi 4 punti della nuova ordinanza:

  1. Contingentamento a numero massimo di 20 persone, previa registrazione e adozione delle misure generali di prevenzione, partecipanti a feste private, anche successive a cerimonie religiose; per queste ultime continueranno ad osservarsi i provvedimenti tuttora vigenti;
  2. Contingentamento a massimo 4 ospiti per tavolo, con rispetto del distanziamento sociale, nei ristoranti e nei locali di somministrazione di alimenti e bevande;
  3. Chiusura anticipata dei pub, bar e ristoranti alle ore 24;
  4. Obbligo di esposizione, all’iingresso degli esercizi commerciali e degli uffici aperti al pubblico, di un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente, in rapporto alle dimensioni dei locali e nel rispetto del distanziamento sociale;

Con il +155% per cento di contagi in più dallo scorso 4 ottobre la Regione ha così deciso di varare misure più restrittive. Sono stati vietati assembramenti davanti scuole e luoghi pubblici e interrotte le visite private a pazienti nelle strutture sanitarie. Inoltre si tengono sotto osservazione i territori di Terracina e di Aprilia, dove due cluster hanno fatto salire nettamente il numero degli attuali positivi.

Articolo a cura di Lorenzo Cedrone

Ti piace questo post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.