La tredicesima costellazione dello zodiaco e il simbolo dell’OMS.

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi, 29 novembre, alle 17:43:49 il Sole entra nell’Ofiuco: auguri a tutti gli Ofiuchi!

Da quando nasciamo sappiamo che siamo di un segno e guai a chi ce lo tocca. Dodici segni, uno per ogni mese, dovrebbero descrivere le nostre qualità e influenzare forse la nostra intera esistenza. Prima di dire che l’astrologia è un’assurdità (cosa che racconterò in future occasioni), cerchiamo però di rispondere alla domanda: cosa è lo zodiaco?

Dalle elementari ci insegnano che ogni anno la Terra compie un giro completo attorno al Sole: il moto di rivoluzione. E fin qui, nulla di nuovo. Vi propongo però un esperimento mentale, gedankenexperiment come spesso si dice negli ambienti scientifici. Ecco, fate finta che la palla della fontana nella nostra bella Piazza del Popolo a Latina sia il Sole e voi la Terra. Iniziando a girare attorno alla fontana, noterete che, a seconda della vostra posizione, ciò che sta dietro alla palla cambia. Se date cioè le spalle a “il Fumetto” del mitico Lanfranco, dietro la palla potreste vedere Damiano uscire dal portone del Municipio. Così spostandosi verso il bar Poeta, la palla della fontana avrà come sfondo Via Emanuele Filiberto e continuando ancora mettendosi con le spalle all’Intendenza di Finanza la palla finirà nell’Enoteca dell’Orologio. Insomma, il gioco è chiaro. Ecco, la Terra (voi) e il Sole (la palla della fontana) sono circondati ovunque da miriadi di stelle raccolte in costellazioni. Mentre noi percorriamo tutta la nostra orbita attorno al Sole in un anno, vedremo il Sole stesso cambiare in continuazione lo sfondo retrostante: in primavera ad aprile dietro il Sole abbiamo l’ariete, il mese dopo il toro, poi i gemelli etc. A seconda di quale costellazione fa da sfondo al Sole nel momento della tua nascita, tu sarai marchiato/a a vita con il segno corrispondente (per gli astrologi).

Di tutte le costellazioni che abbiamo sopra e sotto di noi, a destra e sinistra, dalla Terra vediamo il Sole attraversare apparentemente in un anno solo tredici delle ottantotto costellazioni esistenti. Esatto, tredici, non dodici come i segni. Non vedremo mai il Sole nell’Orsa Maggiore o in Cassiopea ad esempio. Esattamente come dietro alla palla della fontana, non riuscirete mai a vedere l’orologio della Torre del Municipio o un aereo in volo bensì solo gli edifici ed oggetti posti all’altezza della palla stessa. Le tredici costellazioni apparentemente attraversate dal Sole formano una fascia in cielo nota come zodiaco. E queste fortunate tredici costellazioni sono le ben note costellazioni dello zodiaco (Figura 1) [1].

Figura 1 – Orbita della Terra attorno al Sole con le costellazioni dello zodiaco sul piano dell’eclittica.

Ma chi è la tredicesima costellazione? È proprio l’Ofiuco, si trova tra lo Scorpione e il Sagittario. Dalla Terra vediamo oggi il Sole avvicinarsi all’Ofiuco per restare lì fino al 18 dicembre alle 01:08:36 (ogni anno le date e gli orari cambiano). Tutti i bambini e le bambine nate in questi giorni potranno essere fieri/e da grandi/e di dire di essere dell’Ofiuco. Loro, infatti, saranno rappresentati da quel che era il dio della medicina per gli antichi greci. L’Ofiuco è infatti la costellazione del leggendario medico Esculapio (o Asclepio), quello del bastone con il serpente attorno, logo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) (Figura 2) e, nella versione con due serpenti, di tutte le farmacie italiane e non solo [2].

Figura 2 – Bandiera dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) con il bastone di Esculapio al centro

Ovviamente se dalla Terra in questi giorni si vede il Sole che ha alle spalle l’Ofiuco (Figura 3), allora nessuno mai vedrà tale costellazione in questo momento: la luce del Sole nasconde quelle stelle. L’Ofiuco sarà ben visibile in prima serata tra almeno sei mesi. Diamo quindi appuntamento all’Ofiuco, come trovarlo e riconoscerlo in cielo, a questa estate. Con la speranza che, come Esculapio in passato riuscì a curare il popolo greco, così al suo ritorno nei nostri cieli, ci liberi definitivamente da questo Coronavirus.

Cieli sereni e stellati!

Per saperne di più, sitografia/bibliografia:

[1] https://www.astronomiamo.it/DivulgazioneAstronomica/Area/Nozioni%20di%20meccanica%20celeste/Cosa-sono-le-costellazioni-e-la-fascia-zodiacale [2] https://www.treccani.it/enciclopedia/esculapio_%28Enciclopedia-Italiana%29/

Articolo a cura di Andrea Alimenti

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.