Downfalls High: il musical pop-punk di Machine Gun Kelly

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Finalmente è stato rilasciato l’attesissimo adattamento a musical di Tickets To My Downfall, il nuovo CD di Machine Gun Kelly.

Il film di 50 minuti, intitolato Downfalls High, è stato presentato in anteprima il 15 gennaio e girato in soli quattro giorni. Narrato da Machine Gun Kelly e dal collaboratore / batterista dei Blink-182 Travis Barker e creato con l’aiuto di MOD SUN, presenta cameo delle guest star dell’album TicketsTo My Downfall come Trippie Redd, blackbear e IannDior che insieme agli attori principali Chase Hudson e Sydney Sweeney danno vita alla storia.

TRAMA

Il film si apre con il protagonista principale, Fenix James (interpretato da Chase Hudson) in un reparto ospedaliero con una benda avvolta intorno alla testa. Subito dopo vediamo Fenix diversi mesi prima, dove ci viene presentato come il tipico ragazzo emo delle superiori che trascorre il suo tempo a scuola seduto sulle tribune del calcio, facendosi gli affari di tutti tranne che i suoi. Finché un giorno, una ragazza bionda carina di nome Scarlett (interpretata da Sydney Sweeney) mentre sta giocando al gioco della bottiglia (con un pugnale) insieme alle sue amiche, nota che Fenix le sta fissando. Con grande disgusto dei suoi amici, Scarlett è interessata a Fenix e continua a inseguire questo strano ragazzo dai capelli neri. La loro storia d’amore adolescenziale è accompagnata dai brani tratti dall’album e MGK con Travis Barker li suonano dal vivo, proprio come un video musicale pop punk dei primi anni 2000.

Dopo la scena con l’ormai famigerato inno pop punk “Forget Me Too” le cose diventano un po’ troppo oscure e intense per essere un film per adolescenti. Nel tentativo di riprendersi emotivamente, Fenix decide di creare una band con i suoi amici, con il batterista interpretato da Landon Barker, il figlio di Travis.

Questa è davvero un’esperienza musicale unica nel suo genere, dove un gruppo di musicisti e amici si sono riuniti per creare un “Grease pop-punk”, come l’ha definito MGK in un’intervista. 

Non vi resta che guardarlo per potervi scatenare edemozionarvi insieme alla nuova star del pop-punk!

Articolo a cura di Martina Nardoni

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.