Peligro: “Parole al vento”

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PAROLE AL VENTO” è il nuovo singolo del rapper PELIGRO. Un brano caratterizzato da un particolare equilibrio musicale tra un sound urban moderno e uno hip hop old school, in cui l’artista esterna il proprio pensiero nei confronti di chi abusa del proprio status sociale e di chi, al contrario, si lascia influenzare senza prendere una posizione.Ecco a voi la nostra chiacchierata.

PAROLE AL VENTO” é il tuo nuovo singolo. Un brano caratterizzato da un particolare equilibrio musicale. Raccontaci.

Musicalmente, in questo brano succedono un sacco di cose, c’è un’alternanza di momenti, di dinamiche e di energie, senza però che il risultato finale sia un puzzle. Era questo che volevo ottenere.

Brano in cui esterni il tuo pensiero nei confronti di chi abusa del proprio status sociale e di chi, al contrario, si lascia influenzare senza prendere una posizione. Spiegaci meglio. A chi ti riferisci?

Non mi riferisco a nessuno in particolare, ma è sotto gli occhi di tutti che ogni diverbio a cui assistiamo (sui social o sui media tradizionali) non vede mai due opinioni a confronto, ma piuttosto due schieramenti contrapposti, con i rispettivi leader d’opinione a pontificare su cosa sia la verità e cosa no. Dal canto mio, lo trovo frustrante, e ho voluto raccontarlo.

Riferendoti al brano dichiari: “Le parole sono il cuore di questa canzone.” Allora mi chiedo e ti chiedo: ” con quali parole descriveresti il cuore di Peligro”?

Posso provare con qualche aggettivo: determinato, cocciuto, appassionato.

Peligro, all’anagrafe si chiama Andrea Mietta, e sei un rapper/cantautore milanese classe 1992. Così se si potesse viaggiare attraverso il tempo, Peligro cosa consiglierebbe ad Andrea Mietta che si avvicina a questo mondo?
Gli consiglierebbe di studiare a fondo chi sono le figure professionali che, dietro le quinte, muovono i fili della musica, per sapere sempre cosa aspettarsi dalle persone che si incontrano

Intervista a cura di Rosa Spampanato

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.