Covid-19: da oggi Latina e il Lazio sono in zona bianca

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ripartono, tra gli altri, anche le piscine al coperto, i centri termali, le fiere e i centri culturali e ricreativi, i parchi tematici

Oggi è l’inizio di una nuova fase: Latina e tutto e il Lazio sono in fascia bianca. Tradotto: meno restrizioni, a partire dal coprifuoco che quindi non ci sarà più e sarà possibile muoversi senza limitazioni di orario, pur se con l’obbligo di indossare le mascherine di mantenere il distanziamento sociale, e il divieto di assembramento.

Restrizioni che si uniscono ai dati. L’incidenza è in calo a 23 su 100mila abitanti e l’Rt è arrivato a 0,62. Non solo. Dopo mesi, e per la prima volta da settembre 2020, nel bollettino del 13 giugno non si sono registrate vittime per colpa del Covid. Un grande traguardo arrivato nel giorno in cui si è toccati i 500 giorni dal ricovero della coppia di coniugi cinesi all’Istituto Spallanzani, l’inizio dell’incubo.

Scendono inoltre sempre di più anche i letti occupati negli ospedali: 450 i pazienti nei reparti ordinari, 31 in meno, e 98 nelle terapie intensive, con un calo di quattro degenti. Un bilancio che conferma lo scenario di tipo 1 con un livello di rischio considerato basso. Grazie anche alle vaccinazioni che hanno superato la soglia dei 4 milioni.

Latina e il Lazio sono così in zona bianca dopo mesi di restrizioni e regole da seguire. Oggi è il giorno della ripartenza anche per le piscine al coperto, i centri termali, le fiere e i centri culturali e ricreativi, i parchi tematici. Per bar e ristoranti si riapre a pieno ritmo. E dopo il caffè al bancone ora ci si potrà sedere anche al chiuso, anche se ai tavoli sono ammesse massimo sei persone conviventi.

All’esterno non ci sono limiti di persone sedute al tavolo, ma c’è il distanziamento di un metro tra i tavoli. Gli spostamenti sono consentiti senza limiti orari e senza necessità di motivarli. Sono consentiti pure i banchetti dopo le cerimonie civili e religiose. Tutti gli invitati, tuttavia, devono avere il green pass (vaccinazione effettuata, guarigione o tampone negativo).

Articolo a cura di Fabrizio Scarfò

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.