KNOCKED LOOSE: ‘A TEAR IN THE FABRIC OF LIFE’

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I Knocked Loose sono tornati con un nuovo approccio alla loro musica. L’EP A Tear In The Fabric Of Life è senza dubbio il loro progetto più ambizioso fino ad oggi. Inoltre hanno anche rilasciato un cortometraggio animato di accompagnamento con lo stesso nome. La funzione dà vita alla narrativa dell’EP, traccia per traccia, illustrando l’emozione disinibita all’interno dei testi.

Scritto dal frontman dei Knocked Loose Bryan Garris, A Tear In The Fabric Of Life mette in luce le diverse fasi del dolore e le tempistiche con cui una persona riesce a liberarsene. La storia segue questo tema emotivo attraverso gli occhi del personaggio principale, coinvolto in un incidente automobilistico notturno che toglie la vita alla sua compagna. Da questo, scendiamo insieme al personaggio principale in una spirale di depressione e senso di colpa. “Questa è la prima volta che ci siamo davvero tuffati e abbiamo cercato di creare qualcosa dal punto di vista sonoro che evochi una diversa gamma di emozioni e, in generale, qualcosa che introduca tensione e ansia” “Ho trovato modi per incorporare veri sentimenti di perdita e lutto, così come rabbia e insicurezza. Alla fine, è stato terapeutico tanto quanto scrivere un normale disco dei Knocked Loose, e penso che saretecontenti di ascoltarlo.”

Il cortometraggio di accompagnamento per A Tear In The Fabric Of Life è altrettanto potente. Diretto e animato da Magnus Jonsson, l’inquietante visual in bianco e nero copre tutte e sei le tracce dell’EP. Il film è anche diviso in capitoli, in accordo con ogni traccia. “Ho preso la storia presentata nelle canzoni e l’ho ancorata in un mondo visivo”, spiega Jonsson. “Volevo creare un incubo intenso, concentrandomi sugli stati emotivi del personaggio principale di Bryan e sugli elementi visivi che portassero il pubblico più a fondo in questa storia di una discesa a spirale nell’orrore e nella follia distruttiva.” Il risultato è un’atmosfera spettrale ed evocativa che completa sia gli strumenti dell’EP che la voce di Garris.

Articolo a cura di Martina Nardoni

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.