È arrivata l’estate: ieri, giorno del solstizio

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ieri, 21 giugno 2021, alle 05:31 è ufficialmente iniziata l’estate astronomica. A quell’ora, infatti, il Sole ha sfiorato il tropico del Cancro, arrivando su di esso perpendicolarmente, si è fermato e già ora inizia a riscendere. L’inizio dell’estate coincide infatti con l’inizio della discesa del Sole nel cielo, discesa che durerà fino al solstizio d’inverno.

In particolare, ieri il Sole è sorto alle 05:33 ed è tramontato alle 20:44. Sono oltre 15 ore di luce e meno di 9 ore di buio! Già da oggi, molto lentamente le giornate inizieranno ad “accorciarsi”. In più, ieri il Sole è passato quasi sopra le nostre teste ed è tramontato molto spostato verso nord (il Sole tramonta ad ovest solo due giorni in tutto l’anno). È infatti stato ieri il giorno dell’anno in cui il Sole ha percorso il percorso più lungo e più alto sopra le nostre teste.

E allora perché se è ieri è stato il giorno in cui il Sole poteva scaldarci maggiormente, in realtà e solo verso fine luglio/inizio agosto che abbiamo le giornate più calde dell’anno? Il motivo è che esiste una certa inerzia del sistema Terra alle variazioni di temperatura. Nei giorni successivi, infatti, il Sole continuerà a scaldare la nostra bella penisola, e il calore continuerà ad accumularsi. Giorno dopo giorno, seppur con minore intensità, il Sole continuerà a scaldare soprattutto i mari e gli oceani. Questi accumuleranno calore di giorno, rilasciandone in parte di notte, aumentando così la temperatura media delle giornate. Secondo le statistiche il periodo più caldo dell’anno è quello compreso tra la terza decade di luglio e la prima di agosto.

Per lo stesso motivo, in inverno, i giorni più freddi non sono quelli a cavallo del solstizio d’inverno a dicembre, ma nel periodo compreso tra la fine di gennaio e gli inizi di febbraio. 

Non ci resta quindi che goderci questa bella giornata.

Cieli sereni e stellati!

Articolo a cura di Andrea Alimenti

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.