LA FAMIGLIA AGNELLI, UNA STIRPE DI IMPRENDITORI

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Gli Agnelli sono una famiglia di imprenditori italiani, celebre soprattutto per la fondazione e dirigenza della FIAT e la proprietà della Juventus.
Il nucleo del loro patrimonio è costituito dall’industria automobilistica facente ora parte del gruppo Fiat Chrysler Automobiles, ma sono molti i settori (dall’editoria al calcio, passando per la finanza) in cui possiedono partecipazioni, tramite l’accomandita Giovanni Agnelli e C. di cui sono soci insieme alla famiglia Nasi, e che a sua volta controlla la finanziaria Exor.

Vari membri della famiglia hanno avuto cariche direttive nel gruppo FIAT (Giovanni Agnelli, Gianni Agnelli, Umberto Agnelli, Giovanni Alberto Agnelli, John Elkann e Andrea Agnelli) e hanno rivestito ruoli istituzionali (Giovanni Agnelli è stato senatore del Regno d’Italia, Gianni Agnelli fu nominato senatore a vita, Susanna Agnelli è stata sottosegretario e ministro degli Affari esteri, Umberto Agnelli fu eletto parlamentare).

CENNI STORICO-GENEALOGICI

Gli Agnelli sono originari probabilmente di Priero, da cui giunsero a Racconigi nella prima metà del Settecento, impiantandovi alcune attività di coltivazione dei bachi da seta e filande. Un ramo abbracciò soprattutto le professioni liberali e ebbe nell’Ottocento medici e giuristi, mentre il ramo più famoso sviluppò le attività imprenditoriali. Tra questi ultimi, Giuseppe Francesco Agnelli si stabilì a Torino e iniziò una sempre più evidente ascesa della famiglia: poco dopo la Restaurazione figura tra i banchieri
torinesi.

Nel Novecento Giovanni Agnelli, nipote di Giuseppe Francesco, sposò Clara Boselli ed ebbe due figli, Edoardo e Caterina detta Aniceta. Dal matrimonio di Edoardo e Virginia Bourbon del Monte sono nati Clara, Gianni, Susanna, Maria Sole, Cristiana, Giorgio e Umberto. Dal matrimonio di Caterina con Carlo Nasi deriva il ramo dei Nasi con Clara, Laura, Giovanni, Umberta ed Emanuele. Gli Agnelli sono imparentati anche con i Fürstenberg e i von Hohenlohe.

Articolo a cura di Lorenzo Cirelli

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.