Afasia

Condividi con:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’afasia è un disturbo del linguaggio che altera la capacità di comprensione oppure di espressione delle parole. 

Questo disturbo può derivare da una anomalia dei centri nervosi che sono destinati alla comprensione e alla produzione del linguaggio oppure può derivare da disfunzioni delle vie di connessione tra queste specifiche aree del cervello.

In base all’aera corticale danneggiata, l’afasia viene divisa in afasia di Wernicke e afasia di Broca. La prima – conosciuta anche come afasia recettiva – i pazienti mostrano difficoltà nell’attribuire un significato alla produzione orale e scritta del linguaggio; nonostante possiedano un linguaggio fluente, a volte i pazienti includono spesso neologismi o fonemi chele rendono prive di senso. Nell’afasia di Broca – o afasia espressiva – i soggetti comprendono il linguaggio e capiscono cosa significa ma non sono in grado di parlare o scrivere correttamente. La guarigione del disturbo dipende dalla causa e dalla estensione della lesione e dall’età del paziente.

Qualsiasi disturbo cerebrale è in grado di provocare una afasia a patto che interessi l’emisfero cerebrale dominante e le strutture deputate alla elaborazione del linguaggio. Tra i disturbi più importanti da citare si ricordano per esempio gli infarti cerebrali, le ischemie, le emorragie cerebrali, le crisi epilettiche.

L’afasia è un disturbo così vario che può influire su diversi livelli cognitivi del linguaggio. Dopo una lesione cerebrale i deficit possono essere messi diagnosticati attraverso specifici test. Per un esame corretto è importante che il paziente collabori e che vengano esclusi disturbi che possono alterare il linguaggio, ma che provengono da una disorganizzazione globale del funzionamento cerebrale come la demenza, dagli organi di senso e di movimento.

Articolo a cura di Rosario Cassaniti

Ti piace questo post?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.